Mappe mentali
Cosa sono
Perchè usarle
Come impiegarle
Come leggerle
Come farle
Mappe concettuali
Distinguere tra varie tipologie di mappe


libri e pubblicazioni sulle mappe mentali

Distinguere tra varie tipologie di mappe

Distinguere tra varie tipologie di mappe: Mappe Mentali, Concettuali, Cognitive e Solution Map©

In letteratura ed in Internet è presente molto materiale sui modelli proposti da J. Novak e da T. Buzan rispettivamente per la costruzione di mappe concettuali e di mappe mentali, ma non è stata mai proposta una disamina delle caratteristiche che accomunano o che differenziano questi due strumenti.


Fig. 1 (click per ingrandire)

Lo schema riportato in Fig. 1 presenta un estratto dell'intervento svolto dal Prof. A. Scocco presso l'Università di Ancona il 18/11/2003, durante il seminario sull'apprendimeto significativo tenuto dal Prof. J. Novak.

In tale occasione è stato proposto un modello per la comparazione di mappe mentali, mappe concettuali e Solution Map©, che consenta di distinguere tra queste tre metodologie, in termini di

  • topologia
  • modello di riferimento
  • uso di testo/immagini/colori
  • tipici ambiti d'uso

Una nota aggiuntiva può essere utile per definire gli ambiti d'uso delle tre metodologie, considerando i meccanismi comunicativi sui quali si basano:

  • con le mappe mentali si punta soprattutto sull'evocatività, mediante l'uso
    • di effetti grafici (colori ed immagini) oppure di termini (parole oppure sequenze di rami-parola) che siano da stimolo nel processo associativo
    • di relazioni gerarchiche che danno immediatamente una possibilità di interpretazione in chiave di generalizzazione/specificazione.

      Questo ne facilita le applicazioni orientate alla creatività, e le fa rientare nella classe delle mappe creative.
      D'altro canto tale caratteristica può essere d'ostacolo per un utilizzo condiviso della mappa, che può risultare troppo centrata sulla chiave interpretativa di chi l'ha prodotta.

  • con le mappe concettuali si punta soprattutto sull'espressività, mediante
    • l'esplicitazione del significato delle relazioni esistenti tra i vari concetti
    • la rappresentazione anche di concetti articolati.

      Questo ne facilita l'utilizzo in tutte le situazioni nelle quali la conoscenza debba essere rappresentata nel modo il più possibile "oggettivo", e le fa rientrare a pieno titolo tra le mappe cognitive.
      D'altro canto la presenza di una eccessiva verbosità può essere di ostacolo alla velocità di interpretazione e all'impiego nelle attività creative.

  • nelle Solution Map© sono presenti al contempo
    • una modalità gerarchico-associativa
    • l'uso pervasivo dell'evocatività dei colori, delle immagini e del testo
    • la rappresentazione di concetti articolati
    • consentono di utilizzare entrambe i meccanismi, scegliendo di volta in volta un opportuno mix tra i due.

      Per questa ragione le Solution Map© possono essere considerate sia come mappe cognitive, sia come mappe creative.



Scatole
Pensanti